Home About Us Archivio



Fusioni, finanza e povertà,
la crisi della produttività
inizia prima del 2008
E non accenna a diminuire

Secondo i dati OCSE, il rapporto tra il pil e le ore lavorate, misura corrente della produttività del lavoro, è aumentato in media negli Stati Uniti nel periodo 2005-2014 solamente dell’1% all’anno, contro il 2,7% del 1997-2004. Le cose appaiono anche peggiori per gli altri paesi ricchi: si va da un incremento dello 0,8% (contro […]

...continua a leggere

Il sultano Erdogan
e la guerra per procura
che diventa un boomerang
contro l’Europa

La Turchia, per un periodo di tempo della storia recente, sembrava destinata a diventare un ponte di dialogo tra il mondo musulmano e quello occidentale. La sua prossimità all’Europa, la posizione geografica, il peso demografico, il boom economico dello scorso decennio e la modernizzazione del sistema sociale e politico – nonostante i tanti limiti della […]

...continua a leggere

Quantitative easing
atto secondo, ovvero
la bolla di Mario Draghi

Le nuove misure espansive annunciate dalla BCE sono un implicito riconoscimento che il QE non funziona e che la politica monetaria finanzia soprattutto l’inflazione dei valori finanziari

...continua a leggere

Libia, tutto pronto
per la seconda invasione
Francia in prima linea

I media mainstream sono riusciti a convincere gran parte dell’opinione pubblica che quello in Libia è stato un “intervento umanitario”

...continua a leggere

Il tarlo dell’innovazione
La crisi ha reso l’industria
italiana ancora più vecchia

Con la quinta indagine sui macchinari industriali, l’UCIMU ci fa sapere che l’industria italiana è vecchia, travolta da una diffusa obsolescenza tecnologica

...continua a leggere

Corsa alla grafite,
il Mozambico bonanza
per il minerale hi-tech

Il minerale fa gola all’industria elettronica e metallurgica. E nella regione di Cabo Delgado ci sono i maggiori giacimenti del mondo. Si muovono australiani e cinesi

...continua a leggere

Ue, quanto ci costerebbe
reintrodurre i controlli
alle frontiere interne?

Se tutta l’Unione seguisse Germania, Austria, Francia, Slovenia, Svezia e Danimarca, lo stop a Schengen causerebbe perdite pari allo 0,8% di Pil

...continua a leggere

Qatar e Turchia in prima
linea nel conflitto in Siria: gasdotto ci cova

Ci si può fidare fino in fondo delle intenzioni di Turchia e Qatar? E non è che gli stessi Usa abbiano in qualche modo concorso ad armare formazioni terroristiche in Siria?

...continua a leggere

Sud Sudan, la difficile via
verso la pacificazione
di una leadership divisa

In questi giorni, due anni fa, iniziava in Sud Sudan una guerra civile che ha spaccato il paese, causando indicibili sofferenze alla sua popolazione

...continua a leggere

La Francia contro Daesh, una guerra ingiusta
ma utile?

Vedo che la “guerra giusta” di Norberto Bobbio, contro la quale ci eravamo battuti, riappare travestita da guerra “utile”, ma non è una gran trovata. Utile per chi?

...continua a leggere