Home About Us Archivio



杯弓蛇影, Vedersi la serpe nella tazza

  Pinyin: bēi gōng shé yĭng Origine: 《应劭·风俗通义》Ying Shao – Il significato delle consuetudini (Dinastia degli Han Orientali, 25-220 d.C.) e successivamente comparsa anche nel 《晋书·乐广传》 Libro dei Jin – Biografia di Yueguang. Storia: All’epoca della dinastia Jin (265 – 420) viveva un tale di nome Yueguang. Un giorno, un suo buon amico, nel porgergli […]

...continua a leggere

雪中送炭, Donare del carbone durante una nevicata

  雪中送炭 xuě zhōng sòng tàn,“Offrire del carbone durante un periodo di nevicate” è un chengyu molto utilizzato ancora oggi. Si cita quando si vuole indicare che qualcuno è intervenuto e ha offerto un aiuto generoso una situazione di difficoltà o di vera e propria emergenza. Il testo che dà origine al chengyu è il titolo di […]

...continua a leggere

Aspettare conigli al ceppo

  Pinyin: shŏu zhū dài tù Origine: 《韩非子 ·五蠹》“Le Cinque Falene” – Han Feizi (280 – 230 A.C – filosofo della Scuola Legalista e nome di una delle sue opere) Storia: Al tempo degli Stati Combattenti (453 a.C. – 221 a.C.), nel Regno di Song, viveva un contadino molto ligio nell’arare il campo di casa […]

...continua a leggere

La rana in fondo al pozzo e l’oceano

  “Una rana nel pozzo non può parlare del mare, è limitata dallo spazio che le sta intorno; un insetto estivo non può parlare del ghiaccio, oltre alla stagione in cui vive non conosce nulla“. Il famoso chengyu 井底之蛙 jǐng dǐ zhī wā deriva da questo famoso passo del capitolo XVII del Zhuangzi, “Acque d’autunno”. Il […]

...continua a leggere

Vendere lance e scudi

  自相矛盾 zì xiāng máodùn è un chengyu che ha origine da un aneddoto tratto dallo Han Feizi (280 – 230 A.C – filosofo della Scuola Legalista e nome di una delle sue opere) il quale narra di un venditore di scudi e lance, che, con l’intento di sfoggiare alla folla di passanti l’ottima qualità […]

...continua a leggere

Un chicco di riso nel granaio imperiale

  Si dice anche 太倉稊米 tài cāng tí mǐ, ma il modo di dire più comune è 太仓一粟 tài cāng yī sù. La traduzione è la stessa: “un chicco di riso nel granaio imperiale“, oppure, meno letteralmente, “una goccia nell’oceano“. L’origine di questo chengyu è sempre il capitolo diciassettesimo del Zhuangzi, 秋水qiū shuǐ, “Acque d’autunno”: nel […]

...continua a leggere

Rendersi ridicoli davanti a chi ha conoscenza

  Continuiamo ad analizzare i chengyu derivati dal capitolo diciassettesimo del Zhuangzi “Acque d’autunno”, e oggi ci soffermiamo su 貽笑大方 yí xiào dà fānɡ, che letteralmente significa “dare l’occasione di sorridere a una persona sapiente”. He Bo intraprende il suo viaggio fino al Mare Settentrionale e incontra un altro personaggio di nome Ruo 若, con […]

...continua a leggere

Guardare l’oceano e singhiozzare

  È nel capitolo XVII del Zhuangzi, Acque d’autunno” (秋水qiū shuǐ) che sono raccolti gli insegnamenti più famosi del pensatore, vissuto nel IV secolo a.C., sul concetto di “limite”. Questo chengyu viene utilizzato per indicare una situazione senza speranza, o contesti in cui siamo chiamati ad affrontare qualcosa che va oltre le nostre possibilità, e non […]

...continua a leggere

Se non sono stolti, allora sono imbroglioni

  Il testo classico che riporta gli aneddoti e gli insegnamenti del maestro taoista Zhuangzi, vissuto nel IV secolo a.C., è un patrimonio di chengyu. Uno dei più antichi è 非愚则诬 fēi yú zé wū, “se non sono stolti, sono imbroglioni”, con riferimento a chi non è consapevole dei propri limiti, e vorrebbe far credere […]

...continua a leggere

Abbandonare il focolare famigliare e crearne un altro

  Il chengyu 另起爐灶 lìng qǐ lú zào è collegato alla tradizione rurale e al sistema patriarcale cinese. Quando si lascia una vecchia situazione per ricominciare da zero, oppure si sviluppa qualcosa che già esiste in modo completamente nuovo, si può utilizzare questo chengyu, la cui origine può essere fatta risalire a una famosa raccolta […]

...continua a leggere