home chi sono archivio



Diritti o profitti?
Il caso H&M e lo scontro
sui valori tra Ue e Cina
nella Nuova era di Xi

H&M non acquisterà più filati provenienti dal Xinjiang, la regione del nord-ovest della Cina tra i principali produttori mondiali di cotone, le cui autorità sono accusate di aver rinchiuso centinaia di migliaia di musulmani in campi di rieducazione politica. La compagnia svedese di abbigliamento sarebbe stata tra le principali beneficiarie di quello che lo Australian […]

...continua a leggere

I 5 “non permetteremo mai”
di Xi Jinping: nell’attesa
del successore di Trump,
il Partito blinda il Partito

Le celebrazioni per il 75° anniversario della “Vittoria della Guerra di resistenza del popolo cinese contro l’aggressione giapponese e della Guerra mondiale antifascista” sono state utilizzate da Xi Jinping per lanciare un avvertimento agli Stati Uniti: guai a chi «denigra il Partito comunista» – così ha sintetizzato in un titolo “South China Morning Post”. Un […]

...continua a leggere

Il protezionismo hi-tech
di Trump fa esplodere
in Cina gli investimenti
in microchip e AI

I divieti di fornitura ai giganti tecnologici cinesi di semiconduttori (e altre componenti essenziali) made in Usa varati dall’amministrazione Trump stanno alimentando un boom degli investimenti nel settore dei microchip in Cina, tra speranze per un rapido sviluppo della innovazione autoctona (zìzhŭ chuàngxīn) sostenuta dal Partito comunista e qualche timore per la possibile esplosione di […]

...continua a leggere

Sul coronavirus
dobbiamo credere
alla propaganda cinese
o alle panzane occidentali?

Bruxelles ha accusato Pechino di diffondere una “enorme ondata” di notizie false sul coronavirus. Mercoledì scorso, la vice presidente della Commissione Ue, la ceca Vera Jourova, ha dichiarato senza mezzi termini che il governo cinese sta conducendo «operazioni mirate per influenzare (l’opinione pubblica) e campagne di disinformazione nell’Unione europea, tra i suoi vicini e a […]

...continua a leggere

Embargo Usa più duro
contro Huawei, e Pechino:
pronti a colpire Apple
e le altre big high tech Usa

Lo scontro tra Cina e Stati Uniti per il primato tecnologico ha di nuovo al centro Huawei mentre si inasprisce, coinvolgendo le principali multinazionali del settore, e intrecciandosi con la corsa per le presidenziali statunitensi. Ieri l’Amministrazione Trump si è mossa per bloccare le forniture globali di microprocessori a Huawei, il gigante della telefonia cinese […]

...continua a leggere

Consumi e innovazione,
«la Cina può fare da sé»
Il Piano quinquennale
2021-2025 sarà autarchico?

In un contesto internazionale sempre più ostile nei confronti della Cina, il prossimo piano quinquennale varato dall’Amministrazione di Xi Jinping dovrebbe essere imperniato sul rafforzamento del mercato interno, sull’innovazione tecnologica autoctona (zìzhŭ chuàngxīn) e sul benessere dei cittadini cinesi. Se non è l’autarchia, poco ci manca.   La raccomandazione arriva dall’Accademia cinese di scienze sociali […]

...continua a leggere

Investimenti cinesi
negli Usa mai così giù
dal 2009, ma il decoupling
non è ancora realtà

Gli investimenti diretti all’estero (Ide) cinesi negli Stati Uniti sono crollati al livello più basso dal 2009, mentre quelli americani nella Repubblica popolare rimangono sostanzialmente stabili.   Già nel 2019 – l’anno segnato dall’esplosione della guerra commerciale-tecnologica tra Washington e Pechino – gli Ide cinesi negli States erano scesi da 5,5 a 5 miliardi di […]

...continua a leggere

«La Cina guiderà la ripresa:
nel 2020 in Asia il 50,2%
della crescita globale»

Nonostante il disastro provocato dal nuovo coronavirus, se la ripresa della Cina sarà poderosa nel secondo semestre di quest’anno, le economie dell’Asia potrebbero chiudere l’anno in territorio positivo e realizzare nel 2021 un significativo rimbalzo. È questo lo scenario tracciato dal rapporto Asian Economic Outlook and Integration Progress pubblicato dal Boao Forum for Asia. L’appuntamento annuale tra […]

...continua a leggere

«Mille testate atomiche
per prepararsi alla guerra
con gli Stati Uniti»

La Cina deve rapidamente espandere il suo arsenale di testate nucleari fino ad almeno mille unità, per rafforzare la sua deterrenza nei confronti degli Stati Uniti. A sostenerlo è Hu Xijin, direttore del quotidiano “Global Times”. Secondo Hu, Pechino si deve inoltre dotare di un centinaio di “Dongfeng-41”, i missili strategici (che possono trasportare testate […]

...continua a leggere

Da Geraci a Speranza
non cambia la sostanza:
Italia paese gregario
disorientato di fronte
all’ascesa della Cina
(con o senza coronavirus)

Senza consultare Pechino, il governo giallo-rosé ha chiuso alla Cina una delle principali porte d’accesso all’area Schengen, nel cinquantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i due paesi. L’ultima «gaffe» di Roma s’inquadra in una serie di disastrose scelte autolesioniste dettate dall’improvvisazione al potere e dalla sudditanza nei confronti dell’alleato-padrone statunitense

...continua a leggere